Pubblicato in: chiacchiere miste

Caro Amico ti scrivo…

Questo blog sta andando molto oltre le mie aspettative, quello che credevo sarebbe stato una sorta di diario virtuale per mia futura personale consultazione, si è dimostrato essere invece un intenso e vivo gruppo di persone veramente eccezionali con le quali interagire.

E tu, caro amico, ne fai decisamente parte!

Mi sembra doveroso quindi comunicarti che continuerò a chiamarti “cara mia” anche se sei un maschietto, senza per questo voler discriminare piselli o patate (io sono anche vegetariana, va da sè quindi che ovviamente patteggio per entrambi….).

Lo faccio perchè non mi piace parlare al plurale, non sono mica Mastrota che devo venderti una batteria (che non suona…) super-fantastica-mega-iper-stellare che cucina senza burro, senza olio, senza grassi, senza cibo e pure senza pentole.

Adoro l’intimità del parlarsi a tu per tu anche se solo virtualmente, la trovo una chiacchierata più “vicina” e mi da un senso di maggior personalità e partecipazione.

Rimani sempre e comunque un caro amico, cara mia 😉

Una piccola parentesi, forse non indispensabile ma che mi faceva piacere scrivere, e in omaggio per te, senza costributo spese, senza bollini o minimi di spesa un bel girasole con le apette (foto che ho scattato per amore dei colori, nonostante il mio orribile terrore per gli insetti…).

Ciao!

Francesca