Pubblicato in: chiacchiere miste

Mi ami? Col tappo!

Se è vero che “per fare un tavolo ci vuole un fiore” come cantavamo da piccoli, è vero anche che per fare un porta caramelle ci vuole il vino.

Non tanto però, mi raccomando cerca di essere sempre responsabile….

In fin dei conti nessuna caramella si è mai lamentata di essere abbandonata in un cestino di simil vimini piuttosto che in una coppa di cristallo, però questa è una idea carina per poter recuperare il sughero, o per andare a provarci con rinnovato slancio green-oriented con quel figo imperiale di barista che lavora lì in centro, con la scusa del “ma voi i tappi li gettate via? no perchè sai io avrei un progetto in mente di cui mi piacerebbe parlarti che  prevede riciclo, riuso, eventualmente un matrimonio……

Oggi mi piacerebbe condividere con te qualcosa di diverso dalle solite opinioni sui prodotti cosmetici, perchè nella vita siamo costretti a reinventarci tante di quelle volte che perdiamo il conto di tutti i personaggi che abbiamo dovuto interpretare.

Personalmente aver iniziato a  lavorare nel settore del matrimonio dopo anni di lavoro impiegatizio, mi ha permesso di imparare davvero tanto sul piano della manualità, perciò dopo aver ricevuto un sacco (letteralmente, un sacco proprio reale non in senso figurato…) di tappi di sughero, ho iniziato a pensare a cosa avrei potuto mai farci con cotanta grazia naturale.

E l’idea del porta caramelle, alias porta frutta, alias svuota tasche, alias raccogli chiavi, alias centro tavola, alias quello che ti pare è stata una piccola lampadina che si è accesa provando a mettere vicino i tappi simili creando disegni e forme.

Perchè non rendere una di queste forme qualcosa di solido e durevole?

E perchè non condividere con te questa idea così tanto eco sostenibile?

Uhm, si forse avrei anche potuto evitare la condivisione, ma ormai che faccio? Mi fai cancellare tutto quello che ho scritto fin’ora? Ho fatto pure le foto…

Eh no, adesso vai, prendi i tappi e fai un cestino anche tu.

In verità è un lavoretto molto semplice, quasi banale direi, ma i tappi di sughero sono un elemento che fa parte della mia famiglia da decenni, fin da quando mio padre iniziò a creare le casette del presepe usando appunto i tappi, col tempo si è sempre più ampliato ed ora tutta la scena “Natale” è sugherosa.

Chiaro che qualche foto più avanti te la becchi di sicuro, anche perchè c’è un altro piccolo progettino sugherato per decorare l’albero di cui ti parlerò a tempo debito, quindi non hai scampo.

Dunque, la prima cosa da fare è scegliere che forma intendi dare al tuo progetto.

Io ho scelto il cuore perchè era una forma gradita a chi lo riceverà, visto che questo porta caramelle andrà a convivere e non rimarrà qui con me.

IMG_7035.JPG

Traccia il disegno su un cartoncino e poi riportalo su un pezzo di compensato/panforte/legno qualsiasi cosa può andare bene, io avevo una tavola abbandonata spessa circa 0,5 cm che si stava lentamente lasciando morire, ho usato quella.

Un mix di colore acrilico e colla vinilica saranno un fondo perfetto per coprire eventuali imperfezioni del legno e renderlo leggermente resistente all’umidità.

Ah mi sono dimenticata, quando tagli la sagoma sul legno/supporto ricorda di farla un tantino più grande in proporzione alla misura dei tappi che andrai ad utilizzare, perchè altrimenti otterrai un recipiente di circa 3 cm più piccolo del desiderato…..

IMG_7037.JPG

Per rendere ancora più personalizzato il fondo del recipiente sugherato, puoi applicare della stoffa, del tessuto-non-tessuto, della carta da decoupage, io ho usato questo pezzo di tessuto-non-tessuto con delle scritte che avevo da non so quanto e che era fermamente convinto che la sua unica funzione fosse di “sostegno per polvere”.

E’ assolutamente indispensabile che tu ti avvalga di personale competente, qualificato e preparato da adibire alla supervisione durante tutte le fasi di lavoro, puoi vedere qui sotto infatti l’intervento del perito del comune che si è occupata della valutazione dei rischi e della messa in sicurezza del cantiere.

IMG_7038.JPG

Una volta ottenuta l’approvazione del perito comunale potrai iniziare con la fase successiva di decorazione.

IMG_7039.JPG
Questo il momento dell’apposizione della firma del perito, che sancisce il via definitivo ai lavori……

Spennella abbondantemente alla Muciaccia maniera con colla vinilica e un pò d’acqua il fondo che hai scelto di usare come decorazione, parti dal centro e vai verso l’esterno con le pennellate così elimini l’aria ed eviti l’effetto “acne”.

Per i non romantici consiglio di valutare comunque questa interessante forma che, capovolta, rappresenta a seconda dei gusti una castagna o due glutei.

E’ importante far asciugare per bene la colla prima di procedere, io ho incollato il TNT su entrambi i lati e l’ho fatto asciugare in piedi, coadiuvata dall’utilizzo di strumenti di precisione altamente professionali per il sostegno in verticale della base, che puoi vedere ai lati della stessa.

IMG_7038 (2)

Una volta asciugato completamente il fondo è giunto il momento dei fori!

IMG_20160707_154547.jpg

Qualora tu non disponga di un centrino in pizzo di misura sufficiente, sul quale appoggiare il tuo splendido trapano a colonna azzurro in mezzo al tavolo della sala da pranzo, puoi agilmente ovviare il problema con un piccolo e maneggevole avvitatore/trapano a batteria.

Ma a mio padre piace fare le cose in grande….

Certo, potresti obiettare dicendo che i tappi si possono pure incollare, io direi che hai in parte ragione, ma la colla a caldo non è divertente come il trapano a colonna.

Ti consiglio di selezionare dei tappi simili per forma così da dover lavorare meno, in alternativa puoi sempre prendere le misure del tappo successivo partendo dal tappo appena avvitato, più lungo ma sicuramente molto preciso.

Una volta terminata la fase di avvitamento dei tappi, puoi scegliere di decorare in qualche maniera il tuo contenitore “da riciclo” con ciò che desideri, io ho scelto un nastro in organza fucsia non del tutto adatto vista la presenza rustica del sughero, ma il locale che accoglierà questo porta caramelle ha un lungo tavolo in marmo fucsia con dei brillantini perciò il richiamo con i colori era un obbligo dal quale non mi sono potuta esimere….

IMG_7044.JPG

Questo è stato il risultato ottenuto, come vedi una volta asciutto il TNT diventa omogeneo con il colore di fondo, per questo una mano di acrilico è utile, nel mio caso purtroppo trattandosi di materiale di recupero, il legno di base non era liscio ma presentando varie imperfezioni ha creato qualche piccola discromia, ma sappiamo che non si tratta di difetti quanto invece di originalità dovuta al lavoro artigianale (lo scrivono su tutte le etichette a profusione, dai mobili alle mutande, vuoi che non lo dica anche io?).

Allora? Che ne dici? Non ti sembra una idea carina per recuperare degli elementi simpatici e preziosi come i tappi di sughero che, inevitabilmente, andrebbero a morire nell’indifferenziata?

Sono ansiosa di sapere che cosa ne pensi, è un articolo diverso dal solito per rinfrescare un pò l’immagine di questo spazio mistico, perchè ci tengo a te, sappilo!

Perciò non voglio annoiarti al punto da farti uscire gli occhi dalle orbite a furia di parlare di saponette (argomento preso a caso eh???), anche perchè se poi ti rotolano via gli occhi come fai a trovarli di nuovo, rimetterli e leggere gli altri articoli in versione “classica” eh, dai!

Alla prossima, ciao!

Francesca

Annunci

76 pensieri riguardo “Mi ami? Col tappo!

    1. Tappa del giro d’Italia? 😀
      Si in casa mia diciamo che la follia è all’ordine del giorno perciò ci stupiamo con poco ed entusiasmiamo con meno….
      Nella vita a volte bisogna che si rompa qualcosa per poter aggiustare il resto, sono sicura che sarà così anche per te 😉

      Piace a 1 persona

  1. Wow che meraviglia! *_* hai davvero talento nei lavori manuali! Organza e sughero effettivamente è un bel contrasto, ma lo trovo comunque delizioso! Che amore il tuo cagnolino *_* e pure competente! I miei gatti sono inadatti per questi lavori, farebbero rimbalzare i tappi di sughero in giro per casa >_<

    Mi piace

  2. Idea splendida … ! Io personalmente utilizzerei un cordoncino dai toni più neutri al posto del nastro in organza, anche se la tua scelta è stata guidata dall’ambiente di cui dovevi tener conto. Diciamo che sono abbastanza noiosa quando si tratta di colori, ahah. Un bacione :*

    Mi piace

    1. Grazie 😉 ma sono concorde con te per quanto riguarda i colori e i materiali, avrei preferito una corda o un cordoncino di cotone grezzo in tinta, sarebbe stato perfetto però sai, quando ti viene chiesto di fare in un certo modo, hai poco spazio d’azione 😞

      Mi piace

  3. Oddio ma che carino!!!! no, non il portacaramelle, il perito del Comune! XD
    Scherzi a parte, ottima idea di riciclo, e mi piace molto il fondo utilizzato, ha una fantasia un po’ retrò ma romantica.
    Anche il cagnolino è un “strapazzami di coccole”, ma come hai fatto a resistere?
    Curiosità: ma quindi lavori come wedding planner? Com’è il mercato in quel campo? Si trova? Me in cerca di lavoro e, insomma, tanto per avere un’idea…. Tempo fa cercavo come organizzazioni eventi, ma non so quali siano effettivamente serie, come agenzie…
    Buona serata 🙂

    Piace a 1 persona

    1. Anche io cerco lavoro perciò capisco la frustrazione del momento 😭
      Ho collaborato con due wedding planner e dei fioristi, per poter iniziare serve fare un corso che ti permette tral’altro di aprire una tua attività visto che di fatto il mestiere si wedding planner non è del tutto riconosciuto (almeno fino a 5 anni fa…) perciò avere un attestato ti rende più professionale e non “improvvisata”….
      Certo aprire una attività costa (anche il corso a dire il vero….) perciò se ti interessa il settore degli eventi a parer mio ti converrebbe avvicinarti come collaboratrice di qualcuno che già ha una sua attività per fare un po di pratica e conoscere il mercato delle tue parti, il settore matrimonio in sé non è proprio solidissimo tranne in alcune parti in Italia forse, perciò non sempre è un “buon affare” purtroppo😞
      Grazie anzi super grazie per le dolci parole, il perito è davvero felice di questo apprezzamento 😉

      Piace a 1 persona

      1. All’epoca, ci stavamo pensando io, mia sorella e una sua amica. Avevamo fatto qualche ricerca di corsi, ma effettivamente sono costosi e non volevamo rimanere solo nel settore matrimonio. Ovvio che si cercava agenzie con cui iniziare. Avevamo sentito che i corsi di Enzo Miccio non sono riconosciuti. Ecco, questo avevo sentito, che poi non è detto che i corsi siano riconosciuti anche a livello europeo.
        Sui siti di annunci raramente mi è capitato di vedere qualcosa su organizzazione eventi, e completamente diverso da quello che ti immagini (probabilmente usano quella dicitura per attirare gente).
        Ah, io avevo capito che lavoravi in una bella agenzia di organizzazione eventi.
        Buona ricerca anche a te.

        Piace a 2 people

      1. Grazie di cuore per i tuoi apprezzamenti, mi hai fatto un sacco felice! Quando e se ti farà piacere ti aspetto sul mio blog. Un grosso abbraccio e a presto…per il prossimo the! 😉

        Piace a 2 people

      1. Uhm, non vedo perchè dovrei chiamare il 113, hai scelto un nome fantastico per il diario quindi al massimo posso farti pat pat sulla spalla, alzarmi in piedi ed applaudire piangendo…
        Adoro la tua sensibilità Romeo, sai essere un Orso buono, finchè non t’incazzi.

        Piace a 1 persona

    1. È svenuta fronte ventilatore in tempo zero, sono lavori di responsabilità e lei soffre molto la pressione 😂
      In verità farò delle decorazioni per l’albero di natale più avanti, e mio padre ha depositato un ampliamento del presepe, anche quello tutto “tapposo” sicché credo che buona parte dei miei amici sugherati andranno usati prima dell’anno nuovo 😉

      Mi piace

  4. Proprio un’idea ingegnosa, Francesca! 🙂
    Giusto perché tu lo sappia, non mi stanca leggerti in versione makeup, saponette & affini… Al contrario: trovo interessante tutto quello che scrivi!
    Buon pomeriggio ❤

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...