Pubblicato in: cura del corpo, Viso

Eau Thermale Jonzac : trio detersione ed idratazione purificante viso

Io ti parlerò oggi di questo trio del marchio Jonzac, ma sappi che sarà solo una introduzione ad un argomento mistico molto, ma molto più ampio.

Mercoledì prossimo, infatti, ci sarà una puntata speciale di Mistero che in collaborazione con Chi l’ha visto? proverà a far luce su uno degli eventi inspiegabili più oscuri e chiacchierati : L’AUTORIEMPIMENTO DELL’ACQUA MICELLARE.

Chi l’ha visto? si occuperà di tutti i rivenditori scomparsi, dopo la vendita di imprecisate quantità di flaconi impossibili da finire, Mistero invece con l’aiuto di esperti del settore stregoneria, cercherà di far luce su questo avvenimento che si ripete ad ogni acquisto di un flacone, più metodico e costante del sangue di San Gennaro liquefatto….

Sono stata attirata da questo trittico perchè non avevo mai provato un’acqua micellare adatta al mio tipo di pelle, sinceramente speravo che potesse sostituire in qualche modo il tonico aiutandomi ad opacizzare la pelle e, nel contempo, a contenere l’espansione dei pori.

Volendo fingere per un attimo (solo un attimo, sia chiaro…) di essere una persona seria e ligia alla routine viso, ho approfittato della possibilità di acquistare l’intero set ad un prezzo scontato ma comunque piuttosto (piuttosto? Francesca sii seria per un secondo…un prezzo veramente…) importante di € 37,90 (e qui, puoi vedere la pagina dedicata).

Ora, stringi i denti perchè è giunto il momento SuperQuark, Lèa Nature è un nuovo marchio e ti tocca chiaramente beccarti le informazioni aziendali.

I laboratori Lèa Nature sono i diretti “gestori” dei marchi :

  • Lift’ Argan
  • Natessance
  • Ile de rè
  • Eau thermale jonzac

E’ una azienda Francese che convoglia nei loro prodotti efficacia, sicurezza, attenzione, selezione ed efficienza.

L’utilizzo di materie prime di alta qualità, la cui efficacia e compatibilità cutanea è garantita da severi test in vitro, si affianca alla scelta di utilizzare solo ingredienti di provata efficacia escludendo ogni prodotto animale (ad eccezione dei prodotti come miele, propoli e derivati).

Nei detergenti, sieri e creme non troverai :

  • allergeni,
  • fenossietanolo,
  • ftalati,
  • coloranti di sintesi,
  • siliconi,
  • paraffina e oli minerali,
  • PEG,
  • BHA, BHT, EDTA,
  • SODIUM LAURYL SULFATE,
  • alcol etilico,
  • AMMONIUM LAURYL SULFATE

L’impegno dedicato alla selezione delle materie prime si estende, secondo la filosofia ecobio, anche alla scelta di packaging riciclabili e all’impegno ambientale con l’adesione ad ECOCERT ed al Club 1%, che prevede di donare appunto l’1% del fatturato ad associazioni ambientaliste.

Un plauso alle mie capacità di sintesi credo sia assolutamente doveroso, tral’altro non esiste neppure la possibilità di accedere al loro sito in Inglese, sicchè ho dato fondo a tutta la mia pazienza per cercare di tradurre quanto più e meglio possibile qualche indicazione utile per comprendere come Lèa Nature si ponga nei confronti dei consumatori e del pianeta.

Parto direttamente dal gel detergente purificante perchè è quello che in assoluto mi incuriosiva più di tutti nel set, trattandosi di un prodotto dedicato alle pelli grasse e miste anche se sensibili, che avrebbe dovuto eliminare le impurità migliorando l’aspetto cutaneo e regalando un aspetto fresco e meraviglioso.

Sono diventata un tronco di figa imperiale?

Decisamente NO.

Il gel (costo se acquistato singolarmente € 16,90), che non è manco un gel perchè ha una texture abbastanza fluida, scivolosa e poco corposa, nonostante il suo incredibilmente generoso formato 400 ml (!!!) che supera di gran lunga anche la quantità di molti doccia schiuma ecobio, non mi è piaciuto un accidente, non lava un tubo secondo me.

Fa pochissima schiuma anche se usato con spugnette o spazzoline, e la cosa potrebbe pure piacermi perchè dovrebbe essere sinonimo di delicatezza, ma in questo caso dopo il risciacquo la pelle rimane sempre lievemente “appesantita”, non proprio lucida o soffocata ma non si percepisce affatto quella pelle davvero detersa in profondità come mi aspetterei da un detergente che millanta di essere “purificante”.

Si insomma, caro gel sei delicato…pure troppo direi!

La profumazione, che caratterizza l’intera linea tral’altro, ricorda vagamente i frutti rossi ogni prodotto ha questa fragranza un pò lamponata simil sciroppo per bambini che è comunque piuttosto delicata e non persistente quindi ben gestibile.

Sinceramente lo consiglierei a chi ha la pelle normale, oserei dire che va bene anche per la pelle tendenzialmente secca perchè devo dire che è davvero tanto, tanto, ma tanto, davvero tanto, incredibilmente tanto, pazzescamente tanto delicato perciò non altera l’equilibrio idrolipidico della pelle e non sgrassa eccessivamente (non sgrassa proprio…).

Ho fatto vari tentativi per cercare di farmelo piacere, usandolo due volte al giorno, usandolo una soltanto, aggiungendo l’acqua micellare prima, mettendola poi, usandone molto, poco, alternandolo al sapone per il viso ma niente da fare questo detergente è una moltiplicazione, cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia.

Questo è il suo INCI:

aqua termale jonzac, anthemis nobilis flower water*, glycerin, cocamidopropyl betaine, decyl glucoside, xanthan gum, lactic acid, sodium chloride, chondrus crispus, sodium benzoate, sodium levulinate, parfum, zinc PCA, copper PCA,  glyceryl undecylenate. (*= da agricoltura biologica)

L’idrolato di camomilla romana (anthemis nobilis flower water) è l’unico ingrediente certificato eco bio ed ha una buona azione lenitiva e purificante, è presente anche l’estratto di alghe rosse condro (chondrus crispus) e lo zinco (zinc PCA) la cui funzione dovrebbe essere proprio quella di seboregolatore, aiutando a combattere anche le imperfezioni.

Però oh, non so che farci, a me non è piaciuto e ovviamente ci ho messo mesi interminabili per riuscire a finire la confezione.

L’acqua micellare purificante (costo singolo €11,90) è un bottiglione da 500 ml di prodotto ermafrodita che si auto-riproduce quando non guardi (rimane sempre e comunque una timidona st’acqua e un pò di privacy le serve per forza…), non posso nè voglio perdermi la puntata di mercoledì prossimo perchè devo sapere che forza oscura c’è dietro questo prodotto che supera ogni concetto di realtà, il fatto che dopo 4 mesi di utilizzo quotidiano sia ancora a più di 3/4 di confezione è a dir poco alieno…..

Speravo di poterla utilizzare come tonico, devo dire che non è male con questa destinazione d’uso, ma non aspettarti una pelle super opacizzata e compatta, a parer mio agisce meglio un idrolato specifico ma non posso neppure dire che non abbia alcun effetto chiaramente.

Tral’altro strucca piuttosto bene ma devi fare attenzione sugli occhi perchè potrebbero prenderti fuoco le orbite se ne usi troppa, per le labbra invece elimina bene anche i rossetti rossi, che per antonomasia sono quelli più fetenti da togliere, ma secca un pò le labbra e ha un saporaccio drammatico, sicchè si rende necessaria poi una piccola sciacquatina con annessa passata di burrocacao.

Non so dire come possa funzionare con il trucco molto marcato o waterproof, ricordo che io sono una make up artist di livello “l’importante è partecipare“, quindi non fare caso alle mie opinioni se sei solita creare trucchi importanti che prevedono l’uso contemporaneo di più di 3 prodotti.

L’INCI è abbastanza semplice, il che mi è piaciuto parecchio :

Aqua termale jonzac, hamamelis virginiana water*, glycerin, zinc PCA, decyl glucoside, leuconostoc/radish root ferment filtrate, sodium benzoate, lactic acid, sodium levulinate, parfum. (*= da agricoltura biologica)

Principalmente mi ero fidata per la presenza importante di idrolato di hamamelis (hamamelis virginiana water) le cui proprietà riequilibranti ed astringenti sono ben note, anche lo zinco è presente a dare man forte al tutto ma non aspettarti che dopo l’uso ti ritroverai con una pelle “effetto cipria”, anzi visto che ho avuto modo di provarla sia con temperature primaverili/fresche che con il caldo drammatico e afoso della pianura padana, posso dire che talvolta ho avuto la necessità di sciacquare il viso dopo l’uso perchè, pur non arrivando ad essere appiccicaticcia, non mi lasciava neppure del tutto la pelle libera.

Credo mi durerà per questa vita e per tutte le prossime, non la ricomprerò perchè non la finirò mai, ma se tu sei solita truccarti ogni giorno trovo che sia un buon struccante delicato adatto alle pelli normali/miste.

Ultima ma non meno importante è la crema purificante opacizzante (prezzo acquistata singolarmente € 15,35) che devo dire mi è piaciuta anche se te la consiglio fino ai primi caldi, dovrai cercare di ascoltare e capire la tua pelle per comprendere quando è ora di passare a qualcosa di ancora più leggero perchè su di me, ad esempio ora, ne devo usare davvero una quantità ridicola per non doverla “sentire” sul viso (o più semplicemente mi butto su un siero…).

Ha una consistenza fluida e una texture leggera davvero molto piacevole da stendere, si assorbe con facilità e riesce ad idratare le zone più secche e tenere sotto controllo la lucidità, pur senza promettere miracoli e apparizioni di Santi Assorbi-Sebo.

Ne ho ancora un pochina da utilizzare e credo la riprenderò verso Settembre/Ottobre dove sono certa che darà il meglio di sè.

Come sempre, ecco il suo INCI completo :

Aqua termale jonzac, hamamelis virginiana water*, glycerin, coco-caprylate/caprate, dicaprylyl carbonate, ceterayl olivate, sorbitan olivate, silica, talc, sodium levulinate, bentonite, zinc PCA, parfum, sodium benzoate, leuconostoc/radish root ferment filtrate, xanthan gum, sclerotium gum, lactic acid, glyceryl undecylenate, sodium hyaluronate, tocopherol. (*= da agricoltura biologica)

Gli ingredienti chiave in questo caso sono sempre l’idrolato di hamamelis, il caro vecchio zinco, ma anche l’argilla (bentonite), silice (silica) che ha una funzione levigante ed assorbente molto utile nella pelle problematica e il talco (talc) che inizialmente mi aveva un attimo lasciata perplessa temendo che potesse occludere i pori e crearmi delle costellazioni artistiche di brufoli ma, non so se per fortuna, per purezza della materia, per buon equilibrio degli ingredienti, non ho mai avuto alcun problema di questo genere.

Perciò si, anche lei è consigliata in caso di pelle normale/mista, sinceramente sulla pelle molto grassa o acneica non so se possa essere così incredibilmente efficace anche se ormai il ritornello “non basta solo la crema, ma bisogna associare buona alimentazione, idratazione e bla bla bla bla” credo sia entrato nel cervello di tutti, nessuno escluso.

Tral’altro, piccola inutile comunicazione di servizio, Lèa Nature puoi venirmi a raccontare quello che vuoi ma so che hai dei figli con So’Bio Etic, avete gli stessi identici flaconi, non mentire Lèa, hai avuto una relazione extra-coniugale con So’Bio vero? Ammettilo, ti ho scoperta….

Se hai provato qualche altro prodotto della linea Jonzac oppure di Lift’Argan (di cui sono piuttosto curiosa…) mi farebbe piacere sapere che opinione ti sei fatta usandoli, sono validi o sono schiappe?

Grazie mille!

Francesca

11 pensieri riguardo “Eau Thermale Jonzac : trio detersione ed idratazione purificante viso

  1. Io queste cose non le uso. Per quanto il tuo modo piacevole di scivere le rendono accattivanti …. ma ho una cosa da dirti: meno male che sono nato uomo. Io già mi rompo i cojones a farmi la barba… se fossi nata donna io non so che cesso diventavo, perchè il solo pensiero di stare lì a pensare a come truccarmi, stuccarmi, detergere il viso e poi tutto il resto … beh ecco se ci penso mi vengono i brufoli sulle chiappe! Baci Fra

    Piace a 1 persona

    1. Penso tu Romeo la frustrazione di fare tutti sti caspita di giri di prodotti per piacere a un uomo e risvegliarmi ogni mattina brutta uguale…..
      Oddio le creme non sono mica miracolose però lo specchio non mente caro mio! E talvolta anche io mi lascio il baffo lungo, cosi per uscire dalla monotonia 😂😂😂
      Sei sempre il migliore comunque, barba, non barba e sapone sei semplicemente adorabile!

      "Mi piace"

    1. Beh certo che c’entra in realtà 😊 col caldo caldissimo ho due opzioni la prima è il latte detergente, essendo più corposo di un gel o sapone pulisce la pelle ma dopo risciacquato la lascia morbida anche senza bisogno di creme, in alternativa uso un sapone per il viso e un siero che essendo praticamente liquido lascia la pelle liberissima, in questo caso di emulsioni/sieri ce ne sono a bizzeffe, dipende dal tuo tipo di pelle ma hai una vasta scelta 😉

      Piace a 1 persona

      1. Non è affatto semplice te lo posso garantire, trovare una crema adatta non risolve il problema tral’altro perché quello che usi d’estate non va bene in autunno e meno ancora in inverno….purtroppo non resta che tentare e cercare di trovare i prodotti che ti piacciono di più in base alle tue esigenze, la fortuna (o sfortuna, dipende!) è che ci sono così tanti prodotti in commercio che è quasi impossibile non trovare quello giusto 😉

        "Mi piace"

    1. Grazie mille! Si devo dire che tra i 3 prodotti la crema è quella che mi è piaciuta di più è performante ma delicata, conoscendomi quando la finirò prenderò un altro marchio per pura curiosità ma mi è piaciuta davvero….
      Ottimo anche sapere che lo scrub è valido, grazie lo terrò a mente 😉

      "Mi piace"

Rispondi a Io e te, con un the. Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...