Pubblicato in: cura del corpo

DEODORANTIFUL – puntata nr.6 (Benecos)

Riassunto delle puntate precedenti :

Oramai la voce si è sparsa ampiamente, che Donna Francisca stia cercando un fedele compagno di sudate è cosa ben nota.

In fin dei conti Odores de Ascellas è un piccolo paese, le chiacchiere corrono veloci.

E Donna Francisca, travolta dai pretendenti, non ha potuto evitare di cedere di fronte alla semplicità di Luìs (interpretato dal deodorante Benecos all’aloe); disarmante è stato il suo profumo fresco e pulito.

Per molto tempo l’ha accompagnata, affrontando stagioni diverse al suo fianco, ma sarà stato davvero degno di quel posto d’onore?

Ecco la loro storia.

Non vorrei sembrare esagerata o catastrofica, ma penso che il senso di questo intero articolo (ancora da scrivere, pensa te mi auto-leggo nel pensiero!) potrei riassumertelo brevemente e semplicemente così :

“E l’oscar al deodorante che ‘ci hai provato’ va a………..Benecos!”

Tanti clap clap clap e forse, per rispetto, una parziale standig-ovation, ma alla fine tutto si riduce a questo.

Eh si, ci hai provato Benecos, ma non ce l’hai proprio messa tutta se me lo permetti.

Sicuramente se bazzichi i negozi on-line anche tu, di certo, ti sarai imbattuta almeno una volta nei prodotti Benecos, azienda Austriaca che coniuga prodotti dagli inci controllati a prezzi davvero convenienti.

Sempre dando per scontato che tu sia andata a sbirciare nella sezione “deodoranti”, il buon Benecos ti sarà da subito guizzato davanti agli occhi con gioia e letizia, perchè è una delle referenze meno costose tra i deodoranti eco-bio.

Infatti io l’ho acquistato pagandolo 3,99 € per 50 ml di prodotto.

Ho scelto la versione all’aloe vera, ma ne esiste anche una all’albicocca e sambuco, che sinceramente non mi ha troppo entusiasmata al momento della selezione, temevo che le note dolci dell’albicocca potessero stonare in zona ascellare.

Ah, qualora ti interessi fare un tentativo ma hai una ascella più da spray che da palletta rotante, esiste anche quel formato, da 75 ml al prezzo di € 4,99 (acquistabile QUI), visto e considerato che ha una formulazione diversa rispetto a quello che ho provato io, non escludo che possa essere anche più efficace!

Dunque, partiamo dal dire che il profumo mi è piaciuto veramente tanto, è abbastanza intenso ma non essendo una fragranza legnosa o speziata, non è affatto fastidioso o stucchevole, si percepiscono note verdi ed erbose, lievemente agrumate e molto fresche, la tipica profumazione che si suol definire “di pulito”.

E lì per lì mi sono pure detta “ma vuoi vedere che stavolta me la cavo con poco, ottenendo pure ottimi risultati?”.

fuckthat

Ti piacerebbe!

Seriamente, no.

Questo deodorante ha una sfera piuttosto piccolina (rispetto alle pallottissime che avevano i deodoranti Born to Bio e So’Bio Etic) ma va bene, perchè distribuisce il prodotto in maniera omogenea, visto che non è totalmente liquido ma piuttosto cremoso.

Cremoso e bianco.

Saluta ora la tua maglietta nera preferita, finchè sei in tempo.

D’estate se sei solita usare solo delle canotte, non alzare le braccia perchè potresti rirovarti con delle simpatiche strisce pedonali bianche sulle ascelle.

E non è carino essere gettata in tangenziale per far attraversare le altre persone.

Macchie a parte, che in qualsiasi caso si possono gestire abbastanza semplicemente usando poco poco poco prodotto e lasciandolo asciugare a dovere prima di rivestirti, sono rimasta abbastanza delusa da questo deodorante.

La durata è minima, anche utilizzando abiti in tessuti naturali e cercando di detergere la zona addizionando ai saponi l’olio essenziale di tea-tree (così da poter dichiarare apertamente guerra ai batteri), ma niente da fare, indipendentemente dal fatto che sia una stagione primaveril-fresca, forno-estiva, ventilato-autunnale la sostanza non cambia : o ti lavi le ascelle e dai fuoco alle magliette ogni 2 ore, o ti rassegni al puzzaggio.

Purtroppo è così, non posso fare giri di parole inutili, il profumino di pulito che si sprigiona quando lo applichi è piacevolissimo, certo, ma dura davvero poco e non aiuta ad evitare l’insorgere di altri odori davvero poco adatti alla socializzazione.

C’è da dire che l’assenza di sali di alluminio è un grosso vantaggio per il benessere delle ascelle, tant’è che la sudorazione non viene in alcun modo bloccata, è libera di essere sè stessa e di procedere con la sua fondamentale funzione di “sgomberatrice di tossine brutte e cattive”.

D’altro canto, il fattore olezzo non si può nemmeno tralasciare del tutto, ed in questo caso sono costretta a dirti che il deodorante Benecos non assolve come dovrebbe, e come mi aspetterei io, le sue funzioni.

Questo è il suo INCI :

aqua, aloe barbadensis leaf juice*, glycine soja oil*, C14-22 alcohols, zinc oxide, caprylic/capric triglyceride, triethyl citrate, zinc ricinoleate, cetearyl alcohol, C12-20 alkyl glucoside, glyceryl caprylate, glycerin*, polyglyceryl-3 caprylate, parfum**, xanthan gum, mica, glyceryl isostearate, polyhydroxystearic acid, citric acid, potassium sorbate, sodium benzoate, tocopherol, limonene**, linalool**, citronellol**, citral**, geraniol**. (*= da agricoltura biologica) (**= fragranza naturale)

Sono di provenienza biologica solamente tre elementi che compongono questo deodorante, ovvero:

  • estratto di aloe (aloe barbadensis leaf juice)
  • olio di soia (glycine soja oil)
  • glicerina (glycerin)

Mentre il profumo, tutti i LLOL e simili che compongono la fragranza, sono definiti dal produttore “fragranza naturale”, sicchè mi auguro/spero siano degli oli essenziali.

Qualora tu avessi provato il deodorante all’albicocca oppure la versione spruzzo, e con te hanno fatto il miracolo, ti prego avvisami che li compro subito!

Ciao!

Francesca

49 pensieri riguardo “DEODORANTIFUL – puntata nr.6 (Benecos)

  1. Donna Francisca, finalmente riesco a leggere questo articolo!! Ah, anche io avevo valutato di acquistare uno dei deodoranti Benecos per un’alternativa economica! Per fortuna che non l’ho fatto! ❤ Non sarebbe stata la prima volta che butto via magliette e vestiti per colpa di un deodorante…..Sei la migliore, mi affiderò a te e alle tue ascelle per delle review davvero affidabili XD

    Piace a 1 persona

    1. Purtroppo è stata una delusione che non immagini……sinceramente non so se lo spray sia più funzionale perché non l’ho provato, non l’ho comprato perché in genere su di me gli spray fanno ben poco, mi tocca buttarmi per forza su altro…

      "Mi piace"

    1. Anni fa lo usavo anche io, mi piaceva tanto la profumazione ed era davvero duratura.
      Ma poi ho iniziato ad avere dei problemi con l’alluminio cloridrato che mi faceva gonfiare i linfonodi (stramaledetto!) quindi ho dovuto scegliere delle alternative che fossero più gentili nei miei confronti 😖

      Piace a 1 persona

      1. Non si sa, o meglio, è difficile associare direttamente al suo uso alcune problematiche….
        Io personalmente ho notato che con un uso continuativo mi si gonfiavano i linfonodi delle ascelle, da quando uso solo prodotti che non lo contengono non mi è più capitato.
        Sarà un caso? Non lo so, ma per sicurezza io continuo a evitarlo…..

        Piace a 1 persona

    1. Sai che anche io ho temuto la stessa cosa per la profumazione? Albicocca va bene per una crema, uno shampoo, ma il deodorante….un po’ azzardato direi!
      Se ti piace di più la versione spray c’è solo quella all’aloe, l’inci è diverso ma io non lo proverei perché su di me gli spray fanno davvero poco effetto, purtroppo…..

      "Mi piace"

  2. Donna fransisca troppo carino e divertente l’articolo!immaginavo comunque che questo deodorante andasse bene solo per finte ascelle…quelle serie,come la mia…aiuto! Io ho provato il fondotinta ….mmmmm….mah…..Poi ho preso un ombretto,ottima scrivenza,davvero ottima,doveva essere verde smeraldo,invece e’ Verdone opaco…….altro mah….Poi ho preso il correttore….Non mi e’ piaciuto,io quindi dico,ottima qualità ma scarso risultato per benecos

    Piace a 2 people

    1. Sono stati regalati anche a me degli ombretti, dalle confezioni i colori sono belli, ma potrebbero contenere carmine e da vegetariana non mi piace tantissimo sta cosa, purtroppo se li ricevi sarebbe uno spreco ulteriore buttarli quindi darò loro una chance….
      Altri prodotti magari possono essere buoni, dipende un po’ da come reagisce la pelle, diciamo che bisogna continuare a cercare ecco 😊

      "Mi piace"

    1. Ho in lista lo schmidt’s in versione stick, mentre per radici toscane e la versione barattolo di schmidt’s non mi fido, sono a base di bicarbonato e io ho avuto esperienze poco piacevoli con simili formule…..e poi hai ragione, cavoli la scomodità del barattolo che non è manco cremoso ma devo prelevarlo a pala e piccone, non si può proprio!!

      Piace a 1 persona

  3. Penso che recensire prodotti per l’igiene sia un’impresa ma tu tra strisce pedonali e magliette nere a cui dare l’estremo saluto riesci sempre a rendere divertente anche una bocciatura intermedia come questa. Io ridacchio tra me e penso che sia una dote piuttosto rara… 😂😂😂

    Piace a 2 people

    1. Anche io seguo molti blog di creativita, scrittura e libri, sono davvero persone molto capaci, non è facile essere funzionali e interessanti insieme…
      Ma tu cara mia sai essere davvero coinvolgente, completa e con quel pizzico di dolci ricordi che ti calamitano dentro ogni parola.

      Piace a 1 persona

  4. Oh mia Donna Francisca!!! “Stiamo” cercando un compagno di sudate 😉 I tuoi siparietti come al solito mi fanno sganasciare, pur su un argomento così serio e drammatico, come quello delle ascelle pezzate!! Io lo stick lucida ascelle non lo uso più e dopo che ho letto questo mi sa che faccio bene. Uso lo spray, ma non a deodorante … in genere quelli nutri, perché troppo aromatizzati mi sa che faccio un minestrone di odori 😉 p.s. vedo che ti rivolgi sempre al femminile al “tuo lettore” … sporca ascellosa femminista 😀 😀

    Piace a 1 persona

    1. Naaa, Romeo, lo sai che ho scritto tempo fa un articolo relativo a questo, mi piace avere un rapporto diretto con chi mi legge e usare il plurale non mi acchiappa troppo, per questo parlo con la parte femminile di ognuno 😂😂…..
      Senti le unghie di me che mi aggrappo agli specchi???

      Piace a 1 persona

      1. Lo ricordo benissimo l’articolo…. e per questo te l’ho ricordato Donna Francisca, tu vai contro la legge di Mafalda. In una vignetta c’era un’addizione: In una classe ci sono 3 bambine e 3 bambini. Quanti bambini ci sono in classe? La risposta: 6 bambini. E lei arguta disse ma perchè nelle addizioni le femmine scompaiono?

        Piace a 1 persona

      2. Si, probabilmente io vado un po’ contro tutto, ma del resto se non do una scossa io a sta vita, mi rimane solo il disastro….
        Preferisco di gran lunga averti come “amica”, piuttosto che essere troppo formale 😉 tanto coi baffi che mi ritrovo io, stare a capire chi è lei, lui o l’altro già è un casino…..

        Piace a 1 persona

Rispondi a Io e te, con un the. Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...